5 buone ragioni per cui conviene studiare le lingue straniere

Per dirla come Jeff Goins, le parole sono tutto. Esprimerci è alla base dei nostri rapporti sociali. Ogni nostra azione è determinata da come parliamo: la lingua è il nostro strumento di comunicazione dalla notte dei tempi.

IMG_1996

La conoscenza della nostra lingua madre è una cosa che diamo per scontata, chi non ne sa parlare almeno una? Ma spesso non ci rendiamo conto della varietà delle lingue che ci circondano, né tanto meno ci interessa impararle se queste non fanno parte del nostro quotidiano e non abbiamo motivi che ci spingano a farlo.

All’estero mi sono spesso scontrata col pregiudizio che gli Italiani siano un popolo particolarmente poco dotato nell’apprendimento delle lingue straniere. L’Italiano medio (e forse anche questo è un cliché) non prova particolare interesse verso l’estero, le lingue e le culture di altri paesi. Quando va in vacanza, che si sposti vicino o lontano, conta che gli basti un bagaglio di conoscenze di inglese a livello sopravvivenza e nutre una più o meno cieca fiducia di potersi far capire o di finire per trovare indicazioni e assistenza in italiano anche all’estero.

Ora vi dirò perché invece credo sia importante prestare più attenzione verso le lingue straniere e al fatto di sapersi davvero esprimere in altri idiomi.

1) Per stare al passo coi tempi

Viviamo in un mondo globalizzato: ciò significa che persone e cose si spostano da un capo all’altro del mondo (quasi) senza più confini. Innumerevoli sono le persone che hanno un background culturale che coinvolge diversi paesi e in crescita sono le realtà di gente che espatria per ricrearsi un’esistenza altrove.

Le persone girano il mondo e il mondo gira intorno alle lingue. Un conoscenza seppur minima è fondamentale non solo nel mondo del lavoro, ma anche nella vita: arriverà il giorno in cui dovrete chiedere aiuto a qualcuno che non capisce o vorrete flirtare con qualcuno che non parla la vostra lingua, e vi assicuro che rimpiangerete di non sapervi esprimere meglio.  Almeno imparate ad ordinare due birre.

numeros china chinos gestos manos cina numeri gesti mani
Per ordinare da bere in Cina non serve neppure spiccicare parola….se si sa come farlo

2) Per integrarsi

Per potersi mescolare con gli autoctoni ed evitare i raggiri più o meno tipici nei confronti del turista inesperto. Sentirsi al livello dei locals in terra straniera e dimostrare sicurezza nell’esprimersi scoraggia potenziali malfattori che puntano ai nuovi arrivati.  Che vi aiuti a contrattare sui prezzi o che vi faccia ordinare con più disinvoltura al ristorante o sia anche solo un modo per chiedere indicazioni in caso di bisogno, la lingua salva da molti inconvenienti. In questo modo si può anche fare a meno di sentirsi rinfacciare i soliti pregiudizi sulla propria terra di origine, che oltre ad essere molesti appunto pregiudicano i rapporti tra le persone.

Quanto più si migliora la conoscenza linguistica, tanto è più facile venire a patti con le realtà in cui viene parlata. L’integrazione in un paese, per coloro che contano non semplicemente di viaggiarci ma di viverci, passa assolutamente attraverso l’apprendimento della lingua locale.

3) Per conoscere gente nuova

Con questo non intendo solo persone al di fuori del proprio giro di amicizie, ma gente che proprio non ha niente a che fare col vostro habitat! Un buon livello di lingua si identifica con la capacità di stringere amicizie anche all’estero: se non vi dà già abbastanza soddisfazione l’avere contatti oltre confine, pensate a come deve essere riuscire a visitare luoghi in giro per il mondo godendo della prospettiva privilegiata di un insider?

4) Per decentrarsi

Scambiarsi idee innovative, che non siano le solite che girano nel proprio paese, è un buon punto di partenza per dar vita ad un pensiero critico. Ma lo è anche la possibilità di apprendere le cose alla fonte, una volta che si è in grado di leggere giornali e seguire notiziari in lingua straniera. Capire da dove arrivano le notizie o poter confrontare versioni di vicende internazionali come vengono raccontate in paesi diversi è un aspetto da non sottovalutare.

5) Per ritrovarsi

Avete mai sentito dire che per trovare la via bisogna perderla? Lo stesso succede con la conoscenza di sé: prima di potersi scoprire per come si è, serve sentirsi persi. Ma cosa c’entrano in tutto questo le lingue? Siamo quello che pensiamo e pensiamo e sogniamo in lingua (non è sempre chiaro quale). Fatto sta che ogni lingua veicola una cultura, che porta con sé determinati preconcetti, che si riflettono e plasmano il nostro modo di pensare. Se non avete ancora perso il filo del discorso la faccio semplice: serve per scoprire davvero di che pasta siamo fatti.

Ogni qual volta si viene a scoprire l’origine di una parola, si confrontano i modi di dirla in svariate lingue e le somiglianze tra gli uni e gli altri (mi rendo conto che queste siano cose un po’ da nerd, ma a tutti sarà capitato di fare paragoni anche solo fra il classico spagnolo e l’italiano per via della “s” finale), si ritrovano somiglianze e differenze che ci danno un’idea di come si è evoluto e differenziato il nostro modo di esprimerci nei secoli.

Una persona in genere si trova più a proprio agio nel parlare la propria lingua madre. Quando in una conversazione si arrivano a toccare temi critici (come possono essere la politica di un paese, la sua condotta verso i suoi cittadini o altri stati), il parlare senza dover pensare alla correttezza linguistica di quanto si dice offre un bel vantaggio e aiuta a trasmettere in modo più fedele e accurato fatti e opinioni. Per chi riesce a seguirle sarà un bel guadagno in prospettiva.

Il modo in cui comunichiamo è determinante: le parole con cui ci esprimiamo hanno un peso nei nostri discorsi e un impatto verso i nostri destinatari. Come vi sentite quando non riuscite a esprimere quello che provate, quando non trovate le parole o non riuscite a farvi capire da chi vi ascolta? Questo perché la complessità del linguaggio appartiene ad ogni lingua. Ora pensate: non capita lo stesso quando parlate in lingua straniera? Con la differenza che ci sentiamo scusati per il non saperci esprimere, ma la necessità a volte ci impone di sapercela cavare in situazioni dove spiegarsi è d’obbligo.

“I limiti della mia lingua sono i limiti del mio mondo” – L. Wittgenstein

Finora ho parlato solo di lingue straniere e di estero, ma anche l’Italia (come ogni altro paese) ha una ricca varietà di altre parlate al suo interno che meritano di essere conosciute. Per le une come per le altre valgono alcuni dei miei consigli per imparare altre lingue 😉

Author: Fiorella

Poliglotta e viaggiatrice improvvisata. Ho vissuto in Germania, Cina e Costa Rica. In questo blog racconto della mia vita a contatto con la cultura dei paesi in cui vivo, delle mie riflessioni ed avventure quotidiane e delle mie esperienze di viaggi.

2 Replies to “5 buone ragioni per cui conviene studiare le lingue straniere

  1. Quello dello stereotipo dell’italiano che non parla alcuna lingua straniera, purtroppo, è spesso fondato.
    Non potrò mai dimenticare come, mentre aspettavo il mio turno al check in in un hotel di Amsterdam, una famiglia italiana prima di noi si ostinasse ad esprimersi solo in italiano, scandendo le parole e semplificando quasi fossero di fronte a dei deficienti. Alla fine ho tradotto per loro (e per loro intendo i poveri receptionist) Peccato, non sanno cosa si perdono coloro che non vogliono studiare una lingua!

    1. Ci sono vari livelli di ostinazione nel non volersi “abbassare” ad imparare un’altra lingua, ma questa è pura ignoranza. Persone così che non vogliono venire a patti col mondo nonostante la loro difficoltà di comunicare non so se sono recuperabili, ma purtroppo rafforzano anche il pregiudizio nei confronti degli italiani in generale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *