I posti che…

Eccomi di nuovo ad aderire ad un’iniziativa tra blogger, stavolta ad opera di Neogrigio, cui mi ha gentilmente invitato Annavagabonda (che ringrazio). A mia volta nominerò altri blogger, che troverete in fondo all’articolo.

Si tratta di parlare dei dieci posti che più hanno smosso le nostre coscienze, ci hanno emozionato, deluso o lasciato ricordi particolari. E’ stato un esercizio utile ripensare ai miei viaggi in questi termini, anche se ci tengo a sottolineare che nessuna esperienza è stata univoca.

Quindi eccovi il posto…

1)  …che porto nel cuore

Macaos' street Macao dragon

 

 

 

 

 

 

Senza pensarci troppo dico Macao! Questa città, insieme ad Hong Kong, è stata meta del mio primo, vero viaggio in solitaria, che non solo mi ha lasciato ricordi bellissimi, ma mi ha fatto scoprire come questa penisola sia ancora effettivamente un crocevia tra la cultura cinese e quella portoghese. In tre giorni ho avuto tutto il tempo di esplorarla con calma e perdermi tra le sue stradine di cui non vedi la fine, che mi hanno ricordato un po’ le calli veneziane. Quando ci ripenso mi viene sempre in mente il grande senso di calma e libertà che mi ha trasmesso questo posto.

2) …più divertente

Senz’altro la Fiesta de Mayo di Almansa, una piccola cittadina spagnola vicino ad Alicante, dove mi sono fermata qualche giorno in visita ad un’amica. Agli inizi di maggio di celebra tradizionalmente una specie di fiera di paese, che vede bande musicali e cortei per le strade. In pieno stile spagnolo, la festa assomiglia per certi versi ad un piccolo carnevale: ci sono infatti gruppi di persone a rappresentanza dei vari quartieri della città, che vanno cantando il proprio peculiare inno e tracannando abbondantemente ron.

3) …più commovente

Acquedotto TarragonaUun luogo può suscitare commozione o perchè teatro di qualche catastrofe, o perchè risveglia in noi tanto stupore per la bellezza che lo avvolge. Per le esperienze che ho fatto finora mi trovo ad associarlo alla seconda: un ricordo di una bellezza pura, quasi primordiale. Parlo di Tarragona e del suo acquedotto romano, dove sono arrivata alle prime luci del mattino e che mi ha lasciato con un’impressione di meraviglia spiazzante.

4) …più deludente

Un quartiere popolare di Shanghai, adiacente ai rinomati Cool Docks

Difficile pensare ad una meta che mi abbia molto deluso, anche se per quanto riguarda Shanghai avevo aspettative ben diverse sulla città. Mi sono ritrovata catapultata in un’isola occidentale in piena Cina, non meno inquinata di Pechino e per giunta con una disparità tra la condizione dei ricchi e quella dei poveri ancora più accentuata e visibile che nella capitale. Nei quattro giorni in cui sono rimasta non ho mai davvero visto il sole: ciò nonostante altri aspetti del soggiorno lo hanno reso comunque molto piacevole, non da ultimo il fatto di poter contare su un paio di appoggi in loco per esplorare la città.

5) …più sorprendente

Un tratto della muraglia cinese a Mutianyu

Se c’è una cosa che amo profondamente e di cui sono costantemente alla ricerca nei posti che visito è qualcosa che riesca a stupirmi. Adoro la sensazione di trovarmi di fronte a qualcosa di maestoso, che faccia sentire piccoli: così è stato quando ho visitato la Grande Muraglia a Pechino, non a torto una delle sette meraviglie del mondo. Il tratto in questione è quello di Mutianyu, decisamente suggestivo anche perchè in gran parte restaurato.

6) …più goloso

Il mercato ortofrutticolo di Firenze

Qui non posso che spostarmi su una meta italiana: la Toscana ha un patrimonio culinario senza pari. Sono reduce da una breve gita a Firenze e Lucca nell’ultimo mese dove mi sono letteralmente abbuffata di focacce. Ogni mio rientro in Italia si trasforma immancabilmente in un festival del cibo: se è estate mi dò ai gelati, se è inverno o mezza stagione mi butto su qualsiasi altra specialità della regione in cui mi trovo.

7) …che mi ha lasciato un ricordo particolare

Gita alle terrazze di riso di Yuanyang, Yunnan

Il mio primo viaggio da backpacker è stato quello che ho intrapreso con alcune amiche nello Yunnan, una regione del sud della Cina. Ho usato questo viaggio come terreno di prova per viaggiare leggeri (anche d’inverno) e soprattutto flessibili, con un programma che stabilivamo giorno per giorno. Riuscire a cavarsela su questo modello per dieci giorni, per giunta in un paese in cui non avevamo ancora molta dimestichezza con la lingua, mi ha dato molta sicurezza sul poter viaggiare in Cina, cosa che poi ho fatto anche da sola.

8) …più romantico

Un romantico angolo londinese nei pressi di Camden Town

Sarei scontata a definire romantica una città come Parigi: forse lo sarò anche parlando di Londra. Eppure ci ho visto degli angoli molto suggestivi che non sono per forza stati dei più turistici. Londra mi ha dato l’impressione di un caleidoscopio di mondi diversi, dove ognuno può trovare ciò che fa al caso proprio. Da una passeggiata notturna sul Thames, ad una serata su un battello a lume di candela o nella luce soffussa di un vecchio pub davanti ad un buon bicchiere di sidro.

9) …che vorrei rivedere

Le pagode di Gaoxoing, Taiwan

Non appena ho lasciato Taiwan mi sono detta che sarei dovuta assolutamente ritornare. Non solo perchè c’era ancora tanto che avrei voluto vedere, nei dintorni di Taipei così come in buona parte dell’isola sul versante orientale, ma anche perchè per molti dei posti che mi è riuscito di visitare ho desiderato di poter restare più  a lungo. Ho visto tramonti sul mare, fatto pazze corse in scooter, mangiato cibo delizioso e fresco, girovagato per i mercati serali di ogni città. Senz’altro un’esperienza da ripetere!

10) …dove mi piacerebbe andare

La mia attuale  pulce nell’orecchio è l’America Latina. Conosco la sensazione del trovarsi in un nuovo continente, dove senti che la tua cultura non è più definibile solo come italiana, ma anche come europea. Lo vedo come un nuovo mondo da scoprire: sulla mia lista ci sono in primis Costa Rica, Perù, Messico ed Ecuador.

E ora nomino a fare lo stesso:

Turisti per sbaglio

Travel Stories

Pain de Route

Travel and Marvel

Quali sono stati i posti che vi hanno lasciato un segno? Attendo i vostri commenti!

Author: Fiorella

Poliglotta e viaggiatrice improvvisata. Ho vissuto in Germania, Cina e Costa Rica. In questo blog racconto della mia vita a contatto con la cultura dei paesi in cui vivo, delle mie riflessioni ed avventure quotidiane e delle mie esperienze di viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *